Le startup che cambiano il mondo dell’HR

Ecco le startup che innovano l’HR: offrono un profilo completo del candidato e rendono l’esperienza professionale coinvolgente e gratificante

Anche le startup digital stanno dando il loro contributo all’ambito delle risorse umane. L’obiettivo è quello di rendere meno meccanica la selezione del personale, evitando che i candidati a una posizione lavorativa vengano considerati un mero elenco di voti e abilità e siano valutati esclusivamente per le cosiddette hard skills.

I giovani team delle startup che si occupano di HR sanno bene che il candidato non è un automa, ma un insieme di attitudini, esperienze, cultura. E sanno bene che la personalità di ognuno è il risultato di un vissuto ben preciso, fatto di una straordinaria varietà di dettagli e sfumature.

Un altro obiettivo che si propongono le startup innovative nel campo della gestione delle risorse umane è senz’altro quello di valorizzare l’individuo e la sua professionalità, rendendo l’esperienza lavorativa sempre coinvolgente, gratificante e sostenibile.

In questi anni, TIM #Wcap Accelerator, il programma di open innovation di Telecom Italia, ha lanciato sul mercato anche startup che innovano il settore human resource. Tra queste c’è Meritocracy, una piattaforma che aiuta ad analizzare il profilo del candidato con la necessaria profondità e che suggerisce le opportunità più adatte alla sua crescita professionale e personale. Il software sviluppato da Meritocracy esamina il curriculum vitae dell’utente e contribuisce a costruirne un profilo in cui tutte le potenzialità e le capacità abbiano il giusto rilievo.Meritocracy offre inoltre supporto alle aziende nell’attività di attrazione del talento e della professionalità, aiutando il management a comunicare con cura la vision, così da appassionare i futuri collaboratori.

Un’altra startup accelerata da TIM #Wcap che innova il mondo del lavoro è Awhy. Questa giovane impresa aiuta le aziende a ottimizzare l’assistenza clienti online, consentendo agli operatori di dedicarsi solo a un’assistenza specialistica, mentre tutte le altre richieste vengono trasmesse a un assistente virtuale sempre attivo.

Meritocracy e Awhy raccontano bene l’impatto positivo che le nuove tecnologie e l’innovazione stanno avendo anche sul mondo del lavoro e dell’HR.

Ilaria Potito Head TIM #Wcap Accelerator – Telecom Italia

 

Questo Articolo è stato letto da 1457 persone

Vota questo Articolo

0

Be first to comment