LA NUOVA FRONTIERA DEL LAVORO AGILE DI QVC ITALIA

Lavoo Agile

“Il nostro modo di vivere il lavoro cambierà per sempre”

 

Tra i grandi cambiamenti che abbiamo dovuto affrontare durante la pandemia, è indubbia l’innovazione nel mondo del lavoro attraverso la modalità dello smart working. La sfida è stata quella di identificare il giusto equilibrio. La formula del lavoro agile è diventata uno degli elementi di selezione con grande potere attrattivo da parte del candidato durante la ricerca del lavoro. Ciò significa che un’implementazione del lavoro da remoto può trattenere o attrarre nuovi talenti, che pongono ulteriore attenzione nei confronti delle loro scelte di vita e ricercano un equilibrio costruito su una forte consapevolezza. Da un recente sondaggio IPSOS, emerge che il benessere dei dipendenti è considerato una priorità dall’82% delle aziende (Global Wellbeing Survey 2021, progettato e condotto da Aon in collaborazione con Ipsos, ha analizzato a livello internazionale in che modo i datori di lavoro affrontano il tema del benessere dei dipendenti e l’impatto che un programma di benessere ha sulle performance aziendali complessive).

In linea con queste esigenze, noi di QVC abbiamo “ascoltato la voce dei nostri Team member”, per farlo abbiamo utilizzato una survey interna che misurasse aspettative e percezioni rispetto la modalità d’impiego ibrida. Il risultato è stato sorprendente, i team member considerano la formula dello smart working una scelta vincente. Nel 2018 avevamo già introdotto in QVC una forma primordiale di lavoro agile e consisteva in una giornata alla settimana per tutti quei ruoli per cui era implementabile e possibile svolgere fuori dai nostri uffici. Con l’arrivo della pandemia abbiamo allargato l’eleggibilità, coinvolgendo funzioni che fisiologicamente erano legate alla sede aziendale per lo svolgimento del proprio lavoro, ed è stato possibile solo grazie a un investimento tecnologico importante. Oggi, abbiamo scelto di applicare una modalità sperimentale di smart working che prevede un ritorno in presenza per un minimo di soli 3 giorni al mese. Ogni team member è libero di scegliere se aderire a questa nuova formula o se ritornare alla modalità tradizionale utilizzata in pre-pandemia. I giorni passati in sede acquistano così un nuovo significato, danno maggiore qualità alle connessioni umane, potenziando le relazioni interpersonali, la collaborazione e lo scambio in linea con i nostri principi e valori.

Anche i nostri spazi interni sono stati ridisegnati per rispondere alle nuove esigenze. È nata così una nuova e ampia collaboration area con l’obiettivo di incoraggiare la cooperazione, lo sviluppo e lo scambio di nuove idee. Le sale riunioni sono state innovate per facilitare meeting misti caratterizzati da persone in presenza e da remoto. Si sono creati spazi comuni più ampi e con delle modalità gestibili da remoto. Non abbiamo però rinunciato allo spazio per ogni team member con la propria scrivania. In assoluto vogliamo assicurare che da noi in QVC il lavoro si evolva anche con delle decisioni coraggiose, sul panorama italiano siamo in pochi a poter offrire e credere che 3 giorni possono contribuire a un cambio di paradigma e ci piace pensare che il nostro modello possa ispirare altre realtà a evolvere verso un lavoro flessibile, unico e innovativo Italia.

 

 

Anna Specchia
Director People Lead di QVC Italia

Questo Articolo è stato letto da 496 persone

Be first to comment