Non basta essere green per definirsi un’azienda sostenibile: il caso OIC Group

Ambientale, sociale, economica: questi i tre aggettivi che caratterizzano la (vera) sostenibilità di un’azienda. OIC Group, leader nell’organizzazione di congressi, eventi aziendali e incentive, ha impostato il 2023 assicurandosi di non lasciare per strada neanche uno di questi elementi cardine

La sostenibilità aziendale è diventata una priorità. Le aziende oggi sono chiamate a riflettere sull’impatto della propria attività e a dar vita ad un modello di business che, non solo permetta il sostentamento dell’impresa a lungo termine, ma abbracci anche pratiche volte a tutelare l’ambiente e il benessere dei propri collaboratori. È dunque ormai imprescindibile impegnarsi, in maniera concreta, per realizzare una governance equilibrata e lungimirante.

Far parte di un’azienda che organizza eventi e congressi induce a riflessioni ricorrenti sul come riuscire a preservare il nostro pianeta e garantire un futuro ospitale per le nuove generazioni: viaggiamo tanto e facciamo viaggiare ancora di più, con i nostri delegati occupiamo per giorni strutture ricettive e centri congressi, organizziamo centinaia di pranzi, cocktail e cene, dispieghiamo continuativamente un elevato numero di risorse umane e coinvolgiamo, nei nostri progetti, una miriade di clienti e fornitori.

Cosa abbiamo fatto e stiamo facendo, quindi, per renderci DAVVERO sostenibili?

  1. SIAMO DIVENTATI ‘NEUTRAL COMPANY’ – Sostenibilità Ambientale

Insieme ad Up2You, abbiamo condotto un’analisi dell’impronta ambientale e sviluppato un piano di offsetting delle nostre emissioni di Co2 (nel 2022 ne abbiamo prodotte circa 226 tonnellate!), investendo in progetti certificati a livello internazionale, che hanno proprio l’obiettivo di catturare o non emettere CO2 nell’atmosfera. Su https://brands.u2y.io/oic è possibile consultare la nostra climate page, con la descrizione dei 4 progetti sostenuti!

  1. ABBIAMO CAMBIATO SEDE – Sostenibilità ambientale, sociale ed economica
    Ovvero, un risparmio energetico (per luoghi e persone!) …incredibile. Siamo passati da una sede di 4 piani e oltre 2.836 mq, ad una sede caratterizzata da un luminosissimo open space di 900 mq. Questo non solo ha apportato un reale efficientamento energetico, ma anche un aumento considerevole della collaborazione tra colleghi. QUI vi raccontiamo in immagini questo passaggio epocale!
  1. PROMUOVIAMO UNA CULTURA AZIENDALE SOSTENIBILE E IL LIFE-WORK BALANCE – Sostenibilità ambientale, sociale ed economica
  • Smart working e flessibilità oraria
    Professionista che si organizza il proprio tempo = professionista che assicura all’azienda una maggiore produttività = individuo più felice. In OIC possiamo lavorare due/tre giorni da casa, effettuare l’ingresso e l’uscita dall’ufficio in maniera flessibile, gestire l’inserimento di permessi e ferie tramite una comoda App. E poi, grande novità: non abbiamo una scrivania fissa, ogni giorno ci muoviamo di desk in base alle persone con cui dobbiamo lavorare!
  • ABITUDINI GREEN
    Incentiviamo il riciclo, gli spostamenti casa-lavoro in bici/monopattino, beviamo acqua del distributore con le nostre borracce OIC, e lo zaino per il PC in RPet è diventato il nostro fedele compagno di viaggio!
  1. WORK IN PROGRESS: CERTIFICAZIONE PER EVENTI SOSTENIBILI – Sostenibilità ambientale, sociale ed economica

    Ormai da tempo i nostri eventi sono certificabili ISO 20121: programmi e prodotti cartacei hanno (quasi) totalmente lasciato spazio a App Congressuali e contenuti digitali, aderiamo a Food for Good, con il quale assicuriamo il recupero delle eccedenze alimentari, utilizziamo materiali riciclabili, favoriamo location e spostamenti sostenibili e sensibilizziamo partecipanti e partner su questi temi a noi così cari.

Un percorso lungo ed evolutivo, insomma, ma questo inizio è promettente, che ne pensate?

 

Candida Bongini, Events and Corporate Communication Manager

 

 

 

 

 

 

 

OIC ti aspetta al 52° Congresso Nazionale AIDP, il 12 e 13 maggio a Firenze!

Le Radici del Domani
Profondità di pensiero e velocità di azione

https://congresso.aidp.it/

 

Questo Articolo è stato letto da 505 persone

Be first to comment