Per la PA giovane, integra, formata

La credibilità della PA italiana passa attraverso un ringiovanimento dei dipendenti, una nuova credibilità reputazionale, un forte investimento in formazione e tecnologia


Perché “innovazione” e “integrità” come filo conduttore di un confronto fra esperti HR della Pubblica Amministrazione italiana?

La retorica dei “fannulloni” e i fenomeni di corruzione hanno purtroppo intaccato duramente la credibilità dei funzionari pubblici, al punto che ormai ne viene continuamente messo in discussione il valore aggiunto. Ma una PA diversa è possibile, anzi può divenire parte integrante di una società completa, evoluta, “moderna”! In luogo di un rifiuto aprioristico della sfera pubblica, occorre ripartire dalle persone per affermare anche in Italia un nuovo modello di amministrazione pubblica.

RINGIOVANIMENTO Con un’età media dei dipendenti pubblici ormai ben superiore ai 50 anni, come potremmo anche solo immaginare un rilancio della PA? Basti pensare alla difficoltà a cogliere le richieste delle nuove generazioni, a offrire servizi telematici adeguati, a comunicare sui social network… Una politica di forte ringiovanimento rappresenta la prima e più importante riforma della PA italiana.

REPUTAZIONE La PA ha disperato bisogno di accreditare una sua narrativa positiva. Questo passaggio, decisivo per una nuova credibilità dell’impiegato pubblico e per rinvigorirne le motivazioni professionali, richiede una forte attenzione ai temi dell’integrità e della lotta alla corruzione, tale da trasformare profondamente percezione e fiducia della PA da parte dell’opinione pubblica e dei media.

INVESTIMENTI In formazione e in tecnologia. Affinché il cambiamento implichi un livello qualitativo adeguato alle aspettative della società. Invece di indulgere nella retorica della spending review, occorre ritrovare le idee e il coraggio per accompagnare il processo di cambiamento, così come riteniamo essenziale investire in istruzione, cultura, infrastrutture.

Questi i temi principali che affronteremo a Bari, per poter continuare a credere in una trasformazione professionale delle donne e degli uomini che operano nella Pubblica Amministrazione, anche in Italia.

Luigi Maria Vignali
Dirigente Diplomatico Ministero Affari Esteri, Coordinatore Nazionale AIDP.PA

 

Spunti e anticipazioni dal
Congresso #AIDP2016 Scommettiamo su Persone e Lavoro!
Bari, 27 e 28 maggio 2016

 

Questo Articolo è stato letto da 1362 persone

Vota questo Articolo

2

Be first to comment