Lavori in cerca di imprese

44° Congresso Nazionale AIDP

«La fine del lavoro», preconizzava il best seller di Jeremy Rifkin nel 1995, per metterci in guardia sui cambiamenti epocali che l’imminente globalizzazione e l’inarrestabile galoppo delle tecnologie avrebbero generato. Ci aveva (quasi) azzeccato in pieno.

«Era il secolo del lavoro», titolava un libro di Aris Accornero. Era il 1997, il secolo era il Novecento e il lavoro a cui ci si riferiva era quello industriale-manifatturiero, manuale, tutelato, uniforme e uniformante, definibile al maiuscolo, al singolare e al maschile. Robe dell’altro secolo, vien da dire oggi. Ed è proprio così.

«Lavori in cerca di imprese» è il titolo di un libro ancora tutto da scrivere, e che sono certo muoverà i primi passi in tempi brevi anche grazie al pensiero che svilupperemo al 44° Congresso Nazionale AIDP.

Vivremo un secolo lungo, in cui il lavoro reclamerà nuovi spazi dentro le nostre organizzazioni. Gli sviluppi esponenziali della tecnologia promettono scenari incredibili, che stravolgeranno l’esercizio del potere e le modalità di organizzazione del lavoro. Ne vedremo delle belle.

Vivremo un secolo mobile, perché l’accesso economico e (molto più) democratico alla conoscenza spazzerà via le rendite di posizione dell’altro secolo e cambierà le traiettorie delle carriere professionali. Avremo le condizioni affinché tutti (ma proprio tutti) possano ambire alla mobilità sociale. Ci piaccia o no, dovremo stare sempre con le antenne alzate e non potremo mai dire «sono arrivato». Ce ne faremo una ragione.

Vivremo un secolo bisognoso di significati, perché avremo lavori con confini così sfumati e contenuti così innovativi, che sarà quasi impossibile attribuire loro un nome certo e dare una precisa identità professionale a chi li svolge. Figuriamoci quanto diverso sarà gestirli.

Il nostro sarà «Il secolo della rinascita del lavoro»: agli studiosi e ai direttori del personale il compito di costruirlo. Su basi solide.

Paolo Gubitta Università di Padova e CUOA Business School
Coordinatore scientifico 44° Congresso Nazionale AIDP

Questo Articolo è stato letto da 2382 persone

Vota questo Articolo

8

Be first to comment