Intelligenza Manageriale e grandi transizioni: gestire il presente, immaginando il futuro

Il ruolo e le competenze dei manager per gestire il cambiamento. La formazione continua come chiave per una leadership responsabile e innovativa.

In un’epoca di trasformazioni rapide e dai contorni ancora non definiti, la sostenibilità e la digitalizzazione stanno modificando sensibilmente i processi produttivi e l’organizzazione del lavoro. In questo scenario, le intelligenze umane e, in primis, manageriali sono un fattore decisivo per ridefinire e governare in modo innovativo i tradizionali confini spazio-temporali dell’agire d’impresa. Ai manager viene chiesto di navigare con successo nella complessità delle opportunità offerte da queste due forze trainanti, fungendo da ponte tra obiettivi aziendali a breve termine e una visione a lungo termine orientata verso l’innovazione, la resilienza e la crescente ricerca di senso dell’agire delle persone nelle organizzazioni.

Le competenze chiave che i manager sono chiamati a padroneggiare includono visione strategica, capacità di adattamento e una forte leadership per ispirare e motivare i team. Inoltre, devono avere una forte sensibilità verso lo sviluppo delle competenze proprie e di quelle dei collaboratori: proprio dalla crescita del capitale umano derivano, infatti, concreti ritorni in termini di produttività e competitività per le imprese.

La formazione continua è il mezzo più efficace per acquisire e rinforzare queste capacità, e fattore abilitante decisivo delle policy legate alla doppia transizione. Per questo Fondirigenti, il fondo di Confindustria e Federmanager leader in Italia per la formazione manageriale, offre alle 14mila imprese aderenti e ai loro 82mila dirigenti strumenti flessibili e facili per rispondere efficacemente a questi fabbisogni. In particolare, con il recente Avviso 1/2024 il Fondo vuole svolgere un ruolo attivo a supporto dello sviluppo delle competenze manageriali per la gestione delle transizioni.

Per moltiplicare gli effetti positivi di questi investimenti è necessario agire in rete con gli altri attori del sistema. Per questo Fondirigenti ha rinnovato la propria partnership con Aidp e sarà presente al 53° Congresso nazionale con l’obiettivo di condividere idee e buone pratiche con la community dei direttori del personale ai quali spetta il compito, non facile, di leggere con lenti nuove i fabbisogni di crescita delle competenze e delle persone in azienda, e di attivare le leve giuste per soddisfarli.

Massimo Sabatini
Direttore Generale
Fondirigenti

 

 

 

 

 

 

 

FONDIRIGENTI ti aspetta al 53° Congresso Nazionale AIDP, il 14 e 15 giugno a Montesilvano (PE)!

SpazioTempo: la rivoluzione quantistica del lavoro.
Sensi e non sensi delle persone, delle organizzazione, delle tecnologie

CONGRESSO.AIDP.IT

Questo Articolo è stato letto da 195 persone

Be first to comment