Al via la certificazione delle competenze HR

CERTIFICAZIONE X BLOG

Un nuovo strumento di terza parte, sviluppato da AIDP e Rina Services, per garantire al mercato le professionalità adeguate in un’area vastissima e non regolamentata.

Dall’11 maggio le prime sessioni

Promuovere la professionalità e garantire il possesso di competenze in linea con standard riconosciuti: sono questi gli obiettivi del nuovo percorso di certificazione delle competenze HR sviluppato da RINA Services e AIDP Associazione Italiana per la Direzione del Personale sull’esempio delle migliori pratiche di certificazione internazionali.

La certificazione delle competenze in ambito Human Resources ha lo scopo di promuovere e tutelare la professionalità di tutti coloro che nelle varie organizzazioni pubbliche e private si occupano di gestire, sviluppare e valorizzare il rapporto Persona/Lavoro – dice Enrico Cazzulani, Segretario Generale AIDP. – I principali obiettivi sono quelli di dare una configurazione dei profili HR in termini di attività e competenze, avere una valutazione da un organismo di parte terza della propria professionalità, avere un elemento distintivo per migliorare la propria posizione di competitività sul mercato e pianificare un miglioramento continuo, tramite una formazione costante e strutturata

La nuova certificazione è partita ufficialmente l’11 maggio (con le prime sessioni d’esame) e si iscrive nel contesto di riferimento italiano ed europeo applicabile, offrendo la possibilità di certificare la propria professionalità.

AIDP per sviluppare il percorso di certificazione ha scelto RINA Services che, per la certificazione del Personale, opera in regime di accreditamento ACCREDIA secondo le norme UNI CEI EN ISO/IEC 17024. RINA Services è un Gruppo Multinazionale con esperienza da più di 150 anni nel campo delle certificazioni professionali; essendo ente terzo qualificato, accresce il valore della certificazione medesima.

La certificazione, emessa da un ente terzo indipendente, consente agli operatori del settore (manager e specialisti) di vedere riconosciuta la propria professionalità in termini di conoscenze, abilità e competenze, e di spendere la certificazione acquisita come biglietto da visita ed elemento distintivo di competitività.

Per le organizzazioni, la certificazione delle competenze HR rappresenta sia un mezzo per promuovere il riconoscimento del lavoro svolto dai propri dipendenti, sia uno strumento indipendente di controllo della professionalità.

La metodologia di certificazione scelta dal team AIDP/RINA (che ha lavorato al progetto per oltre due anni) si basa sulla capacità complessiva di gestione di attività e di progetti in relazione ai diversi livelli di responsabilità (da attività tecnica di supporto ad attività decisionale/strategica) e non sulla scomposizione delle competenze e relativa valutazione (hard e soft).

Partendo dall’analisi delle diverse figure HR presenti nelle organizzazioni e delle singole attività, si è arrivati all’individuazione di due profili professionali:

  • GENERALISTI (area Normativa-Sindacale e Sviluppo): HR Manager o HR Executive
  • SPECIALISTI (area Normativa-Sindacale o Sviluppo): HR Specialist o Senior HR Specialist.

L’iter certificativo sarà articolato e basato sul disciplinare AIDP/RINA e la certificazione sarà realizzata da una Commissione di professionisti HR qualificati.

Il percorso di certificazione si articola in quattro fasi, di cui due di ammissione (basate sull’invio di documenti e di un progetto scritto effettivamente sviluppato dal candidato) e due in aula (una prova scritta su tema assegnato dalla Commissione e un colloquio orale.

La pubblicazione del disciplinare AIDP/RINA – dice Isabella Covili Faggioli, Presidente nazionale AIDP – costituisce un passo significativo nel percorso di consolidamento e sviluppo delle professioni operanti in area Risorse Umane definendo con maggior chiarezza confini e profilo dei professionisti HR

Maggiori informazioni sul sito AIDP: http://www.aidp.it/certificazione/

 

Questo Articolo è stato letto da 1814 persone

Vota questo Articolo

0

2 Comments

Leave a Reply